Impressioni personali su SX Pro e conclusioni

Nella nostra prova, il prodotto ha mostrato una compatibilità totale, non facendo distinzione di regione o FW. La compatibilità è, al momento, del 100%. E’ possibile aggiornare i giochi nativamente e, stando a quanto dichiarato dal Team Xecuter, anche l’installazione di DLC sarà supportata in un prossimo futuro. Seguendo attentamente la guida descritta a pagina 2, non abbiamo avuto alcun problema di sorta su una console europea aggiornata alla versione 5.1.0, l’ultimo al momento del test. Non abbiamo collegato online la console in quanto ci sono stati report di ban, per cui se ne sconsiglia altamente l’uso in tal senso. E’ anche possibile, seppur le voci siano contrastanti e le probabilità, in ogni caso, non siano neanche degne di menzione, che la console vada incontro ad un brick utilizzando il dispositivo, ma quanto mostrato in rete al momento è causa di disputa per cui non possiamo segnalare alcun esempio degno di nota. Il downgrade, a quanto pare, sarà anch’esso supportato, seppur non nell’immediato ma il prodotto non è stato testato su ciò in quanto non ne vediamo il motivo visto che parliamo di un articolo compatibile con qualsiasi firmware.

Il prodotto è di buona fattura ed i materiali sono abbastanza durevoli, cosa che garantirà una certa longevità al prodotto. Longevità che potrebbe in ogni caso essere minata dall’uscita imminente di soluzioni softmod completamente gratuite (come il custom firmware Atmosphere, in uscita a breve). Ad ogni modo, il team garantisce aggiornamenti gratuiti per tutta la durata di vita del prodotto ed una compatibilità sempre totale, visto che la falla sfruttata da SX Pro è lato hardware hardware, quindi non aggiustabile da Nintendo tramite aggiornamenti, se non con una nuova revisione hardware, per l’appunto, come avevamo documentato noi di Tech Scene in tempi non sospetti.

La facilità d’uso giustifica comunque il costo dell’articolo, se non si è disposti ad attendere l’alternativa software.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tornando all’articolo, come abbiamo detto in prima pagina, il pacco arriverà con 3 oggetti al suo interno: Dongle, Jig e cavetto Mini B. E qui giungiamo all’unico, a nostro avviso, tasto dolente dell’articolo: come possiamo vedere nelle foto, la porta inferiore del dongle è in formato Mini B. L’adattatore implicito era, a nostro avviso, non necessario, se non addirittura scomodo. Questo perchè d’ora in poi dovremo usare un cavo come quelli per smartphone, ad esempio, di qualche tempo fa. Ormai, dato che il formato in ascesa è USB di tipo C, ci saremmo aspettati che anche la porta in uscita fosse di tipo C, ma così non è. Se siete tra gli utilizzatori di cavi  USB mini B, questo vi tornerà utile. Nel caso in cui, tuttavia, abbiate già abbandonato il vecchio standard, potreste trovare qualche difficoltà nel caricare il dispositivo. Con un po’ di fortuna, comunque, un cavo Mini B si trova sempre. E vi consigliamo di farlo, visto che quello incluso è di circa 5 cm ed inservibile per svariati scenari d’utilizzo.

Per concludere, l’aggiunta di un adattatore MicroSD USB sarebbe stata ben gradita, dal momento che molte confezioni di R4 et similia ormai ne danno uno a corredo, per coloro i quali (non pochi, supponiamo) non abbiano un adattatore a portata di mano. L’aggiunta avrebbe inficiato relativamente sul costo finale dell’oggetto, che comunque a seconda del rivenditore può superare i 50€. Con un po’ di attenzione, comunque, è possibile portarsi a casa l’SX Pro con una decina di euro in meno.

Tutto sommato, siamo molto soddisfatti dell’articolo e ne consigliamo l’acquisto a chiunque abbia la necessità imperante della semplicità d’uso, come ad esempio nel caso in cui il destinatario sia un bambino o una persona non avvezza alla tecnologia in generale.

Ringraziamo sentitamente, infine, il Team Xecuter per l’invio in anteprima in Italia del campione utilizzato per i test fatti per la redazione della recensione.

Copyright god88Tech Scene

Team Xecuter