Novità importanti in casa Nintendo, dopo l’annuncio di una rivoluzione da parte del nuovo presidente  Tatsumi Kimishima, succeduto a Satoru Iwata appena qualche mese fa, dopo la dipartita prematura di quest’ultimo a causa di un tumore.

Nel periodo immediatamente successivo alla sua nomina, il nuovo CEO di Nintendo ha operato, appena possibile, una riorganizzazione interna di alcuni dei più importanti settori interni di Nintendo, al fine di massimizzare la resa dei vari team di sviluppo, fornendo al tempo stesso loro libertà maggiore rispetto al passato ed un’interoperabilità che si era resa necessaria a seguito dei recenti cambiamenti del mondo videoludico.

Una rinfrescata che sapeva di rivoluzione, appunto. Solo che non è stata una cosa fine a sè stessa. Ieri, infatti, il nuovo presidente di Nintendo ha parlato agli investitori snocciolando, tra le altre cose, dati sullo stato finanziario della società e le novità in arrivo entro l’anno fiscale che si concluderà a Marzo 2016. Le novità sono state importanti, vediamole insieme.

Per prima cosa, Kimishima ha dato alcuni dettagli riguardo le vendite di Nintendo 3DS che, seppur non riuscendo a bissare, per il momento, le vendite dell’anno scorso, è comunque in una situazione decisamente favorevole in termini di unità vendute, cosa che sarà destinata a crescere ulteriormente nel periodo delle festività, grazie anche ai titoli usciti da poco o in arrivo a breve.

I titoli di maggior spessore che contribuiranno ad aumentare le vendite durante le prossime festività (già usciti o annunciati ed in attesa di rilascio) sul suolo giapponese.

Successivamente è stata la volta di Wii U, che, a detta di Kimishima, ha visto due successi stratosferici, Splatoon e Super Mario Maker, i quali hanno contribuito a consolidare le vendite negli ultimi mesi. Il successo di questi titoli ha fatto registrare una vendita di unità superiore all’anno fiscale passato, un risultato che fa ben sperare in ottica futura. Per Splatoon, Nintendo ha in serbo il rilascio di DLC, già in corso, che manterrà alte le vendite, mentre lo sviluppo di Super Mario Maker non è stato accantonato, con l’annuncio di un aggiornamento disponibile dal prossimo 4 Novembre.

I titoli per Wii U di maggior interesse, già rilasciato o in dirittura d’arrivo entro Marzo 2016.

Il vero successo, almeno in termini di introiti per la società, è però rappresentato dal roboante riscontro favorevole degli amiibo, per le quali è stato ricordato che, in fin dei conti, seppur identificata come società di videogiochi, Nintendo è, a conti fatti, una società che si occupa anche e soprattutto di giocattoli. Oltre all’annuncio delle carte amiibo, che fanno già registrare vendite da record, Nintendo ha dichiarato che verranno rimesse in circolazione quelle statuette i cui stock erano già terminati, al fine di valorizzare la collezione delle stesse, per gli appassionati, i quali naturalmente preferiranno acquistare un’action figure anzichè una carte con la stessa funzione ma dal valore nettamente inferiore per chi è interessato di più all’aspetto visivo che non a quello prettamente videoludico.

Veniamo ora, dunque, alle novità di rilievo per l’azienda, che rappresentano un punto di svolta. Per prima cosa, l’Account Nintendo è ciò che sostituirà l’attuale sistema di profilazione (registrazione al sito Nintendo, liste di amici sulle console, nuovo sistema a premi e via dicendo). L’Account Nintendo, verosimilmente, sarà una versione moderna del Nintendo Network ID, sistema che non ha preso piede a causa della sua macchinosità. Sarà possibile accedere al nuovo sistema di profilazione sia tramite Nintendo Network ID che tramite i social più comuni come Facebook, Twitter e Google+, ed infine anche con il proprio indirizzo email. Una novità da lungo attesa dal utenti dei dispositivi Nintendo. Una volta effettuato l’upgrade del sistema ai nuovi Account Nintendo, si spera che, acquistando un gioco digitale, questo possa rimanere collegato solo al proprio account che non alla console specifica, come avviene adesso (o, per meglio dire, sia alla console che al Nintendo Network ID).

Un’infografica che illustra come funzionerà il nuovo Account Nintendo.

Come accennato sopra, l’Account Nintendo prenderà il posto del sistema a punti chiuso di recente, il Club Nintendo. Il nuovo sistema a punti non sarà ristretto solo alle console ma, come facilmente intuibile, anche ai dispositivi mobile come smartphone e tablet. Anche qui si avrà una piccola rivoluzione: adesso, oltre all’acquisto di contenuti digitali, anche semplicemente giocare ad un gioco potrebbe portare al guadagno di punti, investibili successivamente per il riscatto di premi, siano esse novità all’interno di un gioco, coupon o anche premi fisici. Inoltre sarà possibile effettuare, ad esempio, un acquisto da un dispositivo smart, e far sì che il software acquistato venga, ad esempio, installato autonomamente sul Wii U senza la necessità di interagire con quest’ultimo. E’ stato annunciato da Kimishima che, in futuro, il nuovo sistema relativo all’online delle piattaforme Nintendo consentirà anche il caricamento per la conservazione sicura di file di salvataggio direttamente in rete, un servizio a pagamento che consentirà di avere benefici nei vari parchi a tema Nintendo ed altre novità dell’infrastruttura offerta dalla società.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E poi c’è l’ultima novità, quello che alcuni definiscono il primo gioco mobile di Nintendo, ovvero Miitomo.

Miitomo è un’applicazione pensata da Nintendo per aumentare il bacino d’utenza del proprio servizio online, il cui scopo è quello di far comunicare gli utenti tramite un approccio mediato dall’intervento di un avatar, un Mii appunto, che ci potrà far conoscere interessi e passioni dei nostri amici in maniera anche inaspettata. Difficile inquadrare con precisione di cosa si tratta, quel che è certo è che si tratta di un’applicazione dedicata alla comunicazione, in cui il vostro avatar vi farà delle domande, per poi facilitare la comunicazione con i vostri amici in base ai vostri interessi, collezionati dall’app per mezzo delle vostre risposte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al di la di questo, comunque, è strano notare come Kimishima abbia precisato che qualsiasi IP Nintendo possa potenzialmente entrare a far parte del mercato mobile (circa 5 titoli entro il 2017, il servizio online prenderà piede da Marzo 2016), una mossa che divide i fan tra favorevoli e contrari, specie visto che alcune app potranno essere rilasciate in alcuni Paesi e non in altri, stando a quanto annunciato. Voi cosa ne pensate?