Con lo sblocco recente, da parte di Amazon, della spedizione dei caricabatterie portatili alle isole, abbiamo finalmente avuto modo di provare altri due prodotti Choetech: la powerbank da 10400mAh ed il caricabatterie da auto. Vi diciamo cosa ne pensiamo.

Cominciamo col la powerbank che, tra i due dispositivi, è quello che ci ha convinto di meno. Le cose positive non mancano di certo: le rifiniture ed il design in generale sono una ventata d’aria fresca tra tutti i dispositivi di questo tipo. Un comodo pulsante assicura la possibilità di accensione e spegnimento secondo le nostre necessità per preservare la durata della batteria, e 4 LED ci indicano la durata della batteria, con il primo LED che diventa verde in caso di ricarica veloce.

Troviamo due input e due output: i due input, un’entrata lightning e ed una normale entrata micro USB garantiscono entrambi una ricarica a 5V e 2,4A. I due output, due porte USB standard, hanno scopi diverti. Una è votata alla massima compatibilità ed efficienza e pertanto consente il passaggio della corrente a 5V ed 1A, l’altra, compatibile con lo standard Quick Charge 3.0, consente il passaggio della corrente a 5V 3A/9V 2A/12V 1.5A. E’ possibile ricaricare due dispositivi contemporaneamente. Il prodotto è robusto e completamente realizzato in metallo ed alluminio. Nel nostro campione era inlcuso un cavo USB A / USB C.

I lati negativi, però, a mio avviso, non lo rendono un prodotto perfetto. Partendo dal cavo stesso, ci accorgiamo come questo non supporta il passaggio della corrente a 5V e 3A, di fatto limitando la capacità della ricarica veloce della powerbank alla velocità di una ricarica normale.

Secondariamente, nella confezione non era presente il cavetto micro USB per effettuare la ricarica della powerbank (che di per sè non è poi un gran problema: possiamo utilizzare i cavetti in nostro possesso, gli stessi che useremo poi per ricaricare gli altri dispositivi).

Infine, la powerbank non supporta la ricarica a muro mentre a sua volta sta ricaricando un altro dispositivo. Secondo il parere di chi vi scrive, questa è una limitazione non da poco se si ha poco tempo a disposizione per effettuare la ricarica.

Il secondo articolo, il caricabatterie da auto, invece, si è dimostrato un prodotto sopraffino. L’articolo in questione è dotato delle seguenti specifiche:

  • Input: 12-24V
  • Output di Qualcomm 3.0: 3.6V-5.5V 2.4A (Max) / 5.6V-9V 2A (Max)/9.1V-12V 1.5A (Max) totale:18W
  • Output di USB-C: 5V 3A Max Totale 15W

Come possiamo facilmente vedere, il dispositivo è dotato di due uscite: un’uscita USB standard ed un’uscita USB C. Entrambe vengono pubblicizzate come compatibili con la ricarica veloce, ma solo l’uscita USB C garantisce un output a 5V e 3A in grado di ricaricare con la massima rapidità i vostri dispositivi, purchè siano compatibili ovviamente.

La porta standard funzionerà comunque egregiamente con i dispositivi muniti di entrata micro USB per la ricarica, dal momento che l’articolo è compatibile con lo standard Qualcomm Quick Charge 3.0, retrocompatibile con la versione 2.0.